La 7, Urbano Cairo commenta l’operato di Floris e annuncia novità

Il patron di La 7 assicura che non è sua intenzione vendere e difende il conduttore di DiMartedì

di Maris Matteucci 25 novembre 2014 13:09

DiMartedì, il talk show politico di La 7 condotto da Giovanni Floris, non è assolutamente un flop. Il presidente di rete Urbano Cairo è felice di quanto ottenuto finora dal giornalista ex conduttore di Ballarò e giustifica il calo di ascolti generale della rete con un anno che, rispetto al 2013, non è stato così denso di avvenimenti importanti.

In una intervista rilasciata ai colleghi di TvBlog, Urbano Cairo fa il punto della situazione e assicura di non essere assolutamente intenzionato a lasciare la televisione, nonostante il 2014 abbia rappresentato un’annata difficile.

Il calo generale degli ascolti è dovuto principalmente al confronto con un anno ‘eccezionale’ (il 2013) in cui abbiamo avuto eventi come le elezioni politiche, la lunga crisi di governo, la rielezione di Napolitano, la condanna di Berlusconi, la sua decadenza dal Senato e le primarie del Pd. Oggi La7 viaggia sostanzialmente in linea con gli ascolti del 2012 anno molto meno vivace

Ma i risultati ottenuti da La 7 per Urbano Cairo sono soddisfacenti, tanto da indurlo a non mollare assolutamente come invece si era vociferato spesso negli ultimi tempi:

Come ribadito fino alla noia più e più volte, NON ho alcuna intenzione di uscire dal business televisivo, anzi a partire dal prossimo anno inizieremo a pensare al lancio di nuovi canali non appena le frequenze, acquistate a giugno con 31,6 milioni di investimento, saranno disponibili

Insomma il prossimo anno vedrà il presidente di La 7 ancora in prima linea per offrire prodotti sempre nuovi e programmi all’avanguardia

Photo Credits | Getty Images

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti