Titanic diventa musical

Dal 27 ottobre in tutti i teatri d'Italia

di Monia Ruggieri 10 Ottobre 2012 16:05

Nelle sale qualche mese fa è stato proiettato il film Titanic in 3D, mentre la sua versione iniziale è stato riproposta sui canali Mediaset. l Centenario della tragedia del Titanic ha forse contribuito a far parare maggiormente in quest’anno proprio di quell’accadimento avvenuto nel lontano 1912. A parte i rifacimenti cinematografici, oggi si parla del Titanic in maniera differente. Infatti la leggenda della nave da crociera più famosa del mondo torna sì sui palcoscenici, ma in un musical, «Titanic», che andrà in scena dal prossimo 27 ottobre per un tour nei vari teatri della nostra Penisola.

Lo spettacolo è nato da un’idea di Federico Bellone ( già conosciuto come direttore artistico in diversi musical di successo, come «La Bella e La Bestia» e«Flashdance») e che proprio in questo musical ricopre ben due ruoli, quello di regista e quello di co-produttore, al fianco della Barley Arts, che dopo ben 2 stagioni cariche di successo grazie a  “We Will Rock You” dei Queen, ora è arrivata alla sua seconda esperienza lavorativa nella produzione di un musical.

Il protagonista è Danilo Brugia, il quale vestirà i panni di un bel clandestino che si imbarca proprio sul transatlantico Titanic, carico di sogni ed entusiasmo. Altri protagonisti sono Cora Romano, la quale interpreta Madame Duval, e Valentina Spalletta, una  cantante lirica, ovvero Isabelle Duval, che si innamorerà dell’affascinante Francesco.

“Titanic  il musical” arriva quindi per la prima volta nel nostro Belpaese per far sognare piccini e grandi, interpretando in chiave teatrale una  fiabesca storia d’amore, caratterizzata da effetti speciali e costumi sontuosi. Da non sottovalutare, anzi è proprio il caso di sottolinearlo, il maestro sarà il maestoso Ennio Morricone, che curerà l’aspetto musicale e sonoro.

Domenica scorsa, 7 ottobre, al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano è andata in scena l’anticipazione del musical “Titanic, il racconto di un sogno”. Noi dovremmo aspettare il 27 ottobre per piangere e divertirci  insieme.

Commenti