Le scene dei Griffin che hanno “predetto” l’attentato di Boston

La realtà è ben diversa però da quel che sembra e il filmato sembra essere stato montato ad hoc per speculare sulla tragedia.

di Simona Vitale 17 aprile 2013 13:45

Il tragico attentato di Boston, che ha provocato la morte di 3 persone e il ferimento di altre 183, ha lasciato il mondo con il fiato sospeso facendo ricordare, e soprattutto temere, quello che fu l’11 settembre 2001 con le sue migliaia di vittime. Tuttavia, c’è che chi ha ben pensato di scherzare (con pessimo gusto, è il caso di dirlo) sulle due bombe piazzate al traguardo della maratona della città statunitense alla quale partecipavano centinaia di persone.

Poco dopo il verificarsi dell’attentato, in rete è infatti cominciata a circolare la notizia secondo cui il cartone animato de I Griffin avrebbe in qualche modo previsto la tragedia, addirittura ispirandola. Un video postato su YouTube, mostra degli spezzoni ripresi dalla puntata Turban Cowboys andata in onda negli Usa lo scorso 17 marzo (e ancora inedita in Italia).

Nel video in questione si vede Peter Griffin azionare a distanza con il cellulare due bombe piazzate proprio lungo il percorso della maratona di Boston. Il video, ovviamente, è un falso ed è stato realizzato montando insieme due diverse scene che nulla avevano a che fare l’una con l’altra. Nel primo video originale, Peter è il diretto colpevole della strage, avendo investito con l’auto alcuni concorrenti allo scopo di vincere la gara.

La scena delle esplosioni, invece, pur rimandando a quanto è accaduto a Boston, nulla ha a che vedere con l’episodio precedente. In ordine al video, che ovviamente ha suscitato sdegno in tutto il popolo del web e non solo, è intervenuto il creatore degli stessi Griffin, Seth MacFarlane, che dalla sua pagina Twitter ha espresso non solo il suo rammarico per l’attentato di Boston e il cordoglio per le famiglie delle vittime, ma anche il disprezzo nei confronti di coloro che hanno montato il video speculando su un evento così tragico.

Oltre 1400 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti